5 domande a Daniele Corticelli sul tema “Infrastrutture a Bologna”

1- “Così il metrò non si può fare. Se non si deroga al patto di stabilità, bisognerebbe chiedere alla città sacrifici che non può sopportare”. Questo il messaggio lanciato da Anna Maria Cancellieri al ministro delle Infrastrutture Matteoli. Concorda con il commissario? E’ favorevole alla costruzione della metropolitana a Bologna e, in caso positivo, qual è la strada da percorrere per la sua realizzazione concreta?

2- Dal palco dell’assemblea di Ance è arrivata una doccia gelata sul futuro del Passante Nord: l’Ue ha rigettato l’ipotesi, concepita dagli enti locali, di un affidamento senza gara del progetto. Il rischio è dunque di dover ripartire da zero con un nuovo piano.
Qual è la soluzione migliore per la realizzazione di questa fondamentale opera e quali, a questo punto, i presumibili tempi d’attuazione?

3- Rimanendo al Passante Nord, è giusto a suo avviso averne affidato la costruzione e gestione ad Autostrade S.p.a?

4- Della necessità tutta bolognese di nuove infrastrutture che risolvano il problema del congestionamento cittadino del traffico si parla sin dagli anni ’90. Ad oggi, però, la maggior parte dei progetti è ancora sulla carta.
Perché è così difficile concretizzarli?

5 – Dopo aver bloccato con successo l’assegnazione senza gara del progetto “people mover“ ad Atc, ha chiesto dalle colonne de Il Resto del Carlino “un nuovo indirizzo etico per le gare e appalti pubblici del comune” di Bologna.
Qual è la sua visione di “appalto etico” e come intende raggiungere questo (difficile) obiettivo?

Michael Vittori – esperto in web copywriting

Commenta

Michael Vittori
Michael Vittori

Consulente SEO-SEM Specialist, Copywriter, Web Marketer, Esperto Facebook Ads e Giornalista Pubblicista.

Comments are closed.