Cannini: “A Coriano ho ritrovato continuità e il feeling con il gol”

Coriano– Tre su tre. Non poteva iniziare meglio l’avventura di Alberto Cannini con la maglia del Tropical Coriano. In questo start di campionato, l’attaccante arrivato in estate dal Cattolica è andato a segno con una puntualità impressionante, gonfiando in rapida successione le reti di Cotignola, Sanvitese e (nell’ultimo turno infrasettimanale deciso proprio da un’inzuccata del bomber, ndr) Bagnacavallo. Un tris perfettamente equidistribuito che costituisce l’intero bottino realizzativo dei biancorossoazzurri e che ha portato in dote 7 punti e il secondo posto in classifica alle spalle del San Mauro Mare, unica formazione a punteggio pieno.
Insomma, il club di Marzi ha fatto bingo portandosi a casa un bomber ormai celebre per il suo feeling con il gol. E Cannini, dal canto suo, ha ritrovato il guizzo dei giorni migliori dopo l’annata in chiaroscuro di Cattolica: “Sono partito più forte del previsto perché a Coriano mi trovo benissimo – commenta – A Cattolica purtroppo avevo poco spazio e il mister non credeva in me, perciò ho preferito cambiare maglia. Qui sento la fiducia di società e allenatore. Solamente giocando con continuità si trova la condizione migliore e si riesce a segnare. Da questa stagione chiedo solamente questo, i gol arriveranno di conseguenza”.
Difficile dargli torto. Non a caso, l’annata in giallorosso è stata la meno prolifica in carriera, mentre nelle stagioni di Fontanelle e Sant’Ermete il bomber aveva sempre fatto sfracelli. Cambiata aria, il ‘vecchio’ Cannini è tornato subito agli antichi fasti, divenendo il fulcro dell’attacco della formazione di Costa a dispetto della concorrenza. Al suo fianco, infatti, scalpitano due talenti come Poziello e Angelini, ma la sensazione è che sarà difficile soffiare il posto al cecchino ex Cattolica: “C’è una sana competizione e un ottimo rapporto tra di noi. Inoltre, il fatto di aver caratteristiche diverse e complementari ci aiuta nel momento in cui scendiamo in campo. Non a caso, mi trovo bene con entrambi”. L’intesa con i compagni di reparto funziona già bene, anche se in realtà il Tropical ha raccolto ben poco rispetto al volume di gioco prodotto, come testimoniano le tre reti segnate finora. “Fortunatamente sono state sufficienti per fare sette punti –sorride l’attaccante- Segnare non è semplice perché troviamo sempre difese organizzate. Il campionato è molto equilibrato ed è ancora più competitivo dell’anno scorso. Ad ogni modo, dobbiamo assolutamente concretizzare di più le occasioni create”.
Ma non c’è tempo per ulteriori riflessioni. Dopo aver steso il Bagnacavallo, la band Costa tornerà in campo domenica contro la neopromossa Cava, “formazione agguerrita e motivata” a cui il Tropical ‘chiederà strada’ per proseguire la sua corsa al vertice: “Se vogliamo competere con le cinque – sei formazioni che, almeno sulla carta, sono più attrezzate di noi (Cattolica, Stuoie Lugo, Castrocaro, San Mauro Mare, Romagna Centro) – avverte Cannini- non possiamo permetterci passi falsi nelle gare casalinghe. Ci aspetta un campionato durissimo ma vogliamo giocarcela con tutti”. Una missione tutt’altro che impossibile con un Cannini così ispirato.

Commenta

Michael Vittori
Michael Vittori

Consulente SEO-SEM Specialist, Copywriter, Web Marketer, Esperto Facebook Ads e Giornalista Pubblicista.

Comments are closed.