Nuova Bmw X3 2010, inno a tecnologia e modernità

bmw x3 2010Il Salone di Parigi 2010 (2-17 ottobre) sta portando come da consuetudine una fresca ventata di novità nel mondo delle quattro ruote. Tra queste, non può passare inosservata l’ultima creazione di casa Bmw: alla kermesse parigina, il colosso bavarese ha presentato ufficialmente il suo nuovo SUV premium, la seconda generazione di X3. Sette anni dopo aver sancito il successo della nicchia dei Suv di medie dimensioni, il ‘pioniere’ tedesco torna profondamente rinnovato e modernizzato, con l’obiettivo di rilanciarsi e di battere la concorrenza dei soliti avversari di casa (Audi e Mercedes) e dei marchi sì meno blasonati, ma che stanno ‘invadendo’ questo segmento di mercato proponendo fuoristrada di qualità a prezzi competitivi.

GUARDA IL VIDEO DELLA PROVA SU STRADA!

Mix tra X1 e X
Ritoccata all’esterno, rivoluzionata all’interno e tecnologizzata al massimo, la nuova Bmw X3 sembra lontana parente del suo predecessore. Piuttosto, la nuova impostazione stilistica riprende molti tratti della X5, di cui eredita palesemente il posteriore. Le superfici concave o convesse ‘suggerite’ dalle linee delle fiancate, invece, sono ereditate dalla X1. Insomma, il nuovo modello mixa le migliori caratteristiche delle due sorelle maggiori, aggiungendovi un tocco di modernità e dinamicità. Di ‘tradizionale’ c’è soltanto il frontale con il classico doppio rene inclinato in avanti, i grandi proiettori e il cofano animato da nervature.

Interni rivoluzionati
Ma, come accennato sopra, il vero capolavoro degli stilisti tedeschi si trova all’interno della vettura, dove lusso e tecnologia vanno a braccetto. Materiali e rifiniture in argento satinato, alluminio o legno pregiato fanno da cornice all’avanzatissimo Control Display BMW iDrive, sistema integrato in uno schermo da 8,8 pollici ad alta definizione. Qui è possibile gestire tanti optional, dai sistemi audio e di navigazione Professional (tramite l’utilizzo via web di Google Maps) con memoria a disco rigido all’apertura automatica del portellone posteriore, dalla telecamera di retromarcia al climatizzatore automatico a due zone, per finire con lo scenico tetto panoramico in vetro. Inoltre, migliora decisamente la ‘vivibilità‘ degli occupanti, grazie soprattutto all’aumento delle dimensioni esterne: la seconda generazione è lunga 464,8 centimetri, 7,8 in più della versione precedente, ed è più larga di 3 centimetri (188 cm). Perfezionata e affinata anche la versatilità: lo schienale del divanetto posteriore, divisibile e ripiegabile in tre posizioni, ne è un chiaro esempio.

xDrive sempre più tecnologico
Nonostante sia difficile migliorare un motore che, come ama ricordare la casa bavarese, “ha vinto sei volte il premio Engine of the Year“, i tecnici tedeschi sono riusciti nell’impresa di compiere ulteriori passi in avanti, agendo principalmente sull’interazione tra i due turbocompressori Twin Scroll e Valvetronic. Da questa opera certosina nasce la gamma motori della nuova Bmw X3 composta da quattro propulsori, due turbodiesel e due benzina.
Sul fronte diesel, il più parco e accessibile è l’xDrive20d, un 2 litri quattro cilindri con basamento in alluminio e iniezione diretta Common-Rail. L’xDrive 20d eroga una potenza massima di 135 kW/184 CV con una coppia massima di 380 Newtonmetri e ottiene prestazioni molto interessanti: accelerazione da 0 a 100 km/h in 8,5 secondi e velocità massima di 210 km/h. Ma la peculiarità di questo modello risiede nei bassi valori di consumo (5,6 litri/100 km nel ciclo combinato) ed emissioni (149 g/km) presentati rispetto alla concorrenza nel segmento. Eccellenti risultati ottenuti anche grazie al cambio automatico a otto rapporti Steptronic, abbinato per la prima volta alla funzione Start Stop automatico, e al Brake Energy Regeneration, un sistema che, in frenata e in fase di decelerazione, ricarica la batteria. Non va poi dimenticato che l’xDrive20d è l’unico quattro cilindri, in quanto anche l’altro diesel, l’xDrive30d da 258 CV e 560 Nm (la cui uscita è prevista per la prossima primavera), è un sei cilindri.
Così come l’esuberante, tecnologico e decisamente prestante alter ego a benzina, l’xDrive35i. Un motore 3 litri biturbo ad iniezione diretta di benzina, che sprigiona 306 CV e genera una coppia massima di 400 nm. Le prestazioni parlano da sole: accelerazione da 0 a 100 km/h in 5,7 secondi e punta massima di 245 km/h. Nonostante tale concentrato di potenza, il consumo dichiarato dalla casa rimane comunque accettabile: 8,8 litri ogni 100 km. Che, per la sorella minore xDrive28i (258 CV e 310 Nm) scendono a 9 l/100 km. Questo grazie all’alusil e al basamento in magnesio utilizzato per realizzare i cilindri, tra i più leggeri del segmento C. Un ottimo (e tecnologico) modo per coniugare risparmio e prestazioni.

Assetto innovativo
Nuovissimi anche assetto e sospensioni. La seconda generazione, oltre alla consueta trazione integrale permanente BMW xDrive a gestione elettronica, vanta infatti un’innovativa combinazione di asse anteriore a doppio snodo e braccio tirante con asse posteriore a cinque bracci. Una soluzione che offre maggiore agilità, dinamismo e piacere di guida, il miglior valore di cx della categoria e grande stabilità in curva. Per la prima volta su un modello X, troviamo anche il servosterzo elettromeccanico (EPS) con Servotronic, la servoassistenza funzionante in dipendenza della velocità. Come se non bastasse, è disponibile (optional) il Dynamic Damper Control, uno strumento che permette di modificare la taratura della vettura, selezionando tra tre diverse modalità: Normal, Sport e Sport +.
La X3 2010 è acquistabile in 10 tinte diverse e con tre cerchi da 18″ o 19″, mentre il pacchetto sportivo M (in vendita soltanto dal 2011) prevede ammortizzatori più rigidi, paddle al volante e sedili sportivi sagomati per un’esperienza di guida ancora più emozionante.

Commenta

Michael Vittori
Michael Vittori

Consulente SEO-SEM Specialist, Copywriter, Web Marketer, Esperto Facebook Ads e Giornalista Pubblicista.

Comments are closed.