La rivoluzione di Google Caffeine

SEO di tutto il mondo, tremate. E’ arrivato Caffeine, l’algoritmo che sta stravolgendo tutti i risultati del motore di ricerca più famoso e utilizzato al mondo, Google. Il crawler di Mountain View, infatti, ragiona ormai come una mente umana, premiando i siti che puntano esclusivamente a fornire informazioni utili e trasparenti agli utenti: Wikipedia, ad esempio. Niente più trucchi e trucchetti di bassa lega, insomma. Molti siti hanno già pagato dazio, incorrendo in una penalizzazione o finendo addirittura per essere bannati (ossia essere espulsi dalle serp, i risultati forniti da Google per ogni chiave di ricerca), il terrore di ogni webmaster. D’ora in poi verranno premiati i siti con i contenuti migliori (possibilmente dinamici e in continuo fermento), che forniscono nei propri tag title e description (a proposito, indicare le keywords è ormai inutile e superfluo) le informazioni che realmente sono presenti nelle proprie pagine. Un vero e proprio terremoto.
Alla luce di questa svolta secolare, assume sempre più importanza la figura del SEO copywriter, o semplicemente di chi sa redarre testi accattivanti e ben scritti, il copywriter freelance. Una svolta che potrebbe favorire la proliferazione di questa figura professionale, e magari la diminuzione della disoccupazione intellettuale, piaga dolorosa del nostro paese. Tanti giornalisti o laureati in lettere potrebbero infatti reinventarsi in questo nuovo ruolo. A sua volta Internet, così spesso criticato per le sue innegabili contraddizioni e la validità (a volte discutibile) delle informazioni fornite, potrebbe giovarne in una sorta di ‘scambio’ reciproco. Signori, la rivoluzione di Caffeine è ufficialmente iniziata.

Commenta

Michael Vittori
Michael Vittori

Consulente SEO-SEM Specialist, Copywriter, Web Marketer, Esperto Facebook Ads e Giornalista Pubblicista.

Comments are closed.