Intervista a Giuseppe Pasini, presidente di Federacciai

Pasini, presidente di FederacciaiIntervista al presidente di Federacciai Giuseppe Pasini sullo stato di salute della siderurgia italiana, sul caso Lucchini a Piombini e l’Ilva di Taranto.

1) Presidente, il comparto che più sta soffrendo nel settore siderurgico è quello della produzione di tondini per l’edilizia: questo mercato è infatti praticamente fermo. Qual è la chiave di volta per rilanciare questo importante segmento?

2) Come da lei più volte sottolineato, gli impianti siderurgici girano grazie alla domanda estera, mentre quella interna ristagna ancora, riducendo così la visibilità sulle commesse. Come si può far ripartire il mercato nazionale?

3) “Pensiamo che l’era dei russi a Piombino prima finisce e meglio è; speriamo arrivi un compratore italiano”. Così il sindaco Gianni Anselmi a margine dell’ultimo consiglio comunale tenutosi lo scorso 30 novembre in merito al ‘caso’ Lucchini. Qual è a suo avviso la miglior soluzione per il futuro dell’ acciaieria piombinese?

4) Tra scioperi della fame e infortuni ricorrenti, la situazione dell’Ilva di Taranto non è certo tra le più idilliache. Da un lato vi sono le richieste dei dipendenti precari, rimasti senza lavoro, dall’altro le necessità di un’azienda alle prese con una congiuntura economica difficile. Come si può mediare questo conflitto e tutelare gli interessi di ambo le parti?

PMFQ49YCMJR7

Commenta

Michael Vittori
Michael Vittori

Consulente SEO-SEM Specialist, Copywriter, Web Marketer, Esperto Facebook Ads e Giornalista Pubblicista.

Comments are closed.