Intervista all’assessore del bilancio veneto Roberto Ciambetti

assessore al bilancio della regione veneto, roberto ciambetti5 domande a Roberto Ciombetti, assessore della Regione Veneto, su economia, imprese, approvazione del bilancio 2011 e rinnovabili.

La cooperazione per la promozione di opportunità d’impresa tra Regione Veneto e Senegal, uno dei Paesi africani più economicamente pronto allo sviluppo di nuove attività imprenditoriali, dimostra la lungimiranza della Regione in materia di economia e investimenti. Quali opportunità offrono alle aziende locali i partenariati internazionali con le imprese senegalesi?

A cinque mesi dall’approvazione della manovra di assestamento del bilancio regionale del 2010, non sono ancora arrivati a destinazione i 35 milioni di euro per il sostegno del credito alle imprese. A mancare è il regolamento necessario per avviare l’erogazione dei fondi. Quando si sbloccherà la situazione? Perché, nonostante i dubbi espressi da CNA, lasciare una buona parte della gestione dei fondi a Confidi?

“La scelta di sviluppare ricerca applicata nel campo delle energie rinnovabili va perseguita, e non solo per l’occupazione, ma anche per altre tre grandi sfide: sviluppo della green economy, abbattimento del costo della bolletta energetica, diminuzione della dipendenza dall’estero per le fonti”. Ancora una volta ha ribadito il suo forte appoggio alle energie rinnovabili e al fotovoltaico. Come giudica il decreto Romani sulle rinnovabili così aspramente criticato da molte imprese del settore?

Ad inizio marzo, dopo una lunga gestazione, è stato approvato il bilancio di previsione 2011. Decisiva ai fini dell’approvazione, il suo maxi emendamento. Le risorse maggiori sono finite al sociale e al trasporto pubblico. Soddisfatto dell’accordo raggiunto?

Il suo partito ha espresso più e più volte disapprovazione nei confronti dell’intervento militare in Libia. Qual è la sua personale posizione?

Commenta

Michael Vittori
Michael Vittori

Consulente SEO-SEM Specialist, Copywriter, Web Marketer, Esperto Facebook Ads e Giornalista Pubblicista.

Comments are closed.