Superleggera e scattante. Lamborghini si supera ancora

La nuova Superleggera presentata in livrea verde

Sempre più leggera e veloce. Al Salone di Ginevra, Lamborghini ha tolto i veli alla sua ultima creatura, la nuova Gallardo LP 570-4 Superleggera (vedi le immagini della presentazione dell’auto sul nostro canale Youtube) A tre anni di distanza dalla nascita del primo “peso piuma”, la 560-4, i tecnici del Toro hanno deciso di regalare il bis, spostando ancora in avanti i limiti prestazionali di questo bolide, esattamente come cercano di fare gli sprinter professionisti allenamento dopo allenamento: 325 km/h di velocità massima e soprattutto accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi (tre decimi in meno del predecessore).
Il segreto è nella ‘cura dimagrante’ a cui è sottoposta la nuova versione, la più rapida delle “piccole” Gt Lamborghini: ben 70 kg in meno rispetto alla sorellina LP 560-4 per un totale (a secco) di 1.340 kg. Dato che, sommato ai 570 cavalli erogati dal motore, fanno sì che la nuova Gallardo vanti uno straordinario rapporto peso/potenza di 2,35 kg/Cv.

Carbonio e LP– Tanta fibra di carbonio e propulsore longitudinale posteriore da dieci cilindri e 5.204cc (da qui la denominazione LP, incipit dell’acronimo, completato dalle cifre che fanno riferimento ai cavalli e alla trazione integrale, con cui solitamente la casa di Sant’Agata Bolognese dà il nome alle sue creazioni) sono dunque i fattori determinanti questo incremento di prestazioni. Ma il lavoro dei progettisti del Toro non si è limitato “soltanto” a questo, poiché -incredibile dictu- la LP 570-4 presenta anche una significativa diminuzione dei consumi e delle emissioni di CO2. Merito del sistema di “Iniezione Diretta Stratificata“, piccolo grande miracolo tecnologico che ha permesso di abbassare il consumo medio nel ciclo combinato fino a 7,4 km/litro, ovvero il 20,5% in meno (-3,5 litri ogni 100 km) rispetto al modello precedente.
Le altre novità consistono nella rivisitazione del reparto sospensioni e dell’impianto frenante, ora dotato di dischi carboceramici e cerchi in alluminio forgiato da 19 pollici, mentre i pneumatici Pirelli P Zero Corsa 235/35 all’anteriore e 295/30 al posteriore sono stati sviluppati appositamente per questa versione. A completamento della dotazione troviamo la trazione integrale permanente e il cambio robotizzato a sei marce e. gear con paddle dietro al volante.

L’aerodinamico spoiler posteriore

Look aerodinamico- Anche l’aspetto esteriore è stato modificato a regola d’arte. Frutto della sinergia tra gli esperti della galleria del vento e i designer del Centro stile, il look della Superleggera si fregia di un paraurti frontale più aggressivo e dai profili sporgenti, i quali aumentano la portata d’aria che arriva ai radiatori attraverso le prese d’aria trapezoidali. Prese che, insieme alla modifica dei fondi vettura, l’utilizzo delle minigonne e del nuovo diffusore posteriore in carbonio contribuiscono a migliorare al contempo estetica e aerodinamica, il cui carico al retrotreno viene equilibrato con l’impiego di un evidente e sportivo ‘spoilerone‘ posteriore.
Pure gli interni sono arricchiti da vari dettagli in fibra di carbonio: il tunnel centrale, i pannelli porta, la plancia comandi del cambio e i gusci dei sedili. Al nero, colore predominante, fanno da contrasto le decorazioni e le cuciture dei sedili in verde, arancione, giallo e due tonalità di grigio. Oltre alla livrea verde in ‘stile Hulk’ con cui si è presentata a Ginevra, la carrozzeria della Superleggera è disponibile anche nelle tinte Giallo Midas, Arancio Borealis, Grigio Telesto, Nero Noctis e Bianco Monocerus. E se tutto questo non vi basta, il peso ‘superpiuma’, come tutte le Lamborghini, può essere personalizzata in base alle vostre esigenze grazie al programma “Ad Personam“.

Commenta

Michael Vittori
Michael Vittori

Consulente SEO-SEM Specialist, Copywriter, Web Marketer, Esperto Facebook Ads e Giornalista Pubblicista.

Comments

  1. La voglioooooooo 🙂