Hyundai, spazio alle compatte con iX35

Ecco la nuova Hyundai iX35

Nel 2009 la i10 ha rappresentato da sola la metà delle 38.866 auto vendute da Hyundai. Nel mercato europeo, questo modello ha registrato un bel +86% di vendite, mentre le sorelle i20 e i30 si sono ‘fermate’ rispettivamente al +32% e +56%. Logico allora che il marchio coreano si concentri sui modelli compatti, i più appetiti del momento. La nuova iX35, SUV erede del Tucson, nasce proprio in ossequio a questa strategia, mentre Santa Fe esce di produzione e Hyundai Motor Italia decide di non importare il modello destinato a sostituirlo, FX 55.

guarda il video della prova su strada

Fluidic sculpture– Nella iX35, vettura che andrà a battagliare con Ford Kuga, Peugeot 3008, Nissan Qashqai, Volkswagen Tiguan e Toyota Rav4 nel segmento C, il più vivace del mercato automobilistico, il taglio con il passato è evidente. Le linee tese, filanti, decisamente moderne, inaugurano un nuovo corso in termini di design, denominato “Fluidic Sculpture”. Leggermente più grande del predecessore (441 x 182 x 167 cm), vanta un bagagliaio di 1436 litri, il più capiente dell’intero segmento. Ben articolata la gamma di motori che, al momento del lancio nel nostro paese (20-21 marzo), presenterà tre propulsori Euro 5: un due litri a benzina da 163 CV e una coppia di due litri a gasolio da 136 e 184 CV. I primi due li troverete sia a trazione anteriore che integrale, il terzo soltanto con quattro ruote motrici. Ragionevoli e contenuti i valori di consumi ed emissioni. Si passa dai 5,5 l/100 km e 147 g/km di CO2 del diesel 136 CV a trazione anteriore agli 8,2 l/100 km e 195 g/km di CO2 del benzina a trazione integrale.

Dotazioni e prezzi-Arriveranno soltanto in autunno, invece, il 1600 benzina e il 1700 diesel, le versioni più concorrenziali; quelle che, nei progetti di Hyundai Motor Italia, dovranno permettere a iX35 di toccare quota 10mila unità vendute lungo lo Stivale. Il prezzo di listino di queste versioni scenderà infatti al di sotto dei 20.990 euro necessari per mettersi al volante del 2000 benzina nell’allestimento Classic (il più semplice) a trazione anteriore. La gamma sale man mano di equipaggiamenti, optional e prezzo fino a toccare i 30.990 euro del 2000 turbodiesel (da 184 CV con 4WD) “Style”, allestimento dotato di cambio automatico, cerchi da 18 pollici, sedili riscaldabili, retrovisori ripiegabili elettricamente, sensori di parcheggio, interni in pelle, navigatore con schermo touch da 6,5”, telecamera posteriore e, dulcis in fundo, di uno scenografico tetto panoramico. Di serie sono comunque compresi air bag, filtro antiparticolato autorigenerante ed elettronica a volontà (ABS, ESP, EBD, TCS, HAC e DBC) per il controllo di trazione, pattinamento, stabilità, frenata e partenza in salita. Hyundai, determinato a confermare l’esaltante risultato conseguito da i20, nominata quarta auto più sicura d’Europa (e prima assoluta nel segmento B) nel 2009, punta quindi ancora una volta sulla sicurezza con McPherson, comparto sospensioni costituito da una barra stabilizzatrice all’anteriore ed un multilink al posteriore.

Triple 5– La casa coreana sposta i suoi standard verso l’alto anche per quanto riguarda l’assistenza post-vendita. Triple 5, pacchetto che offre agli acquirenti garanzia quinquennale, assistenza stradale 24 ore su 24 ed “healthcheck” periodici per un medesimo periodo di tempo, è una novità assoluta nel mondo delle quattro ruote. Se Triple 5 riscuoterà un apprezzabile successo, verrà riproposto su altri modelli della casa.

A proposito di modelli, il marchio asiatico si appresta a vivere un biennio molto intenso. Allan Rushforth, vicepresidente di Hyundai Europe, ha annunciato che a partire dalla metà di quest’anno, la casa proporrà ben dieci novità tra modelli inediti e aggiornamenti, con l’obiettivo di rafforzare l’immagine del brand nel Vecchio Continente. La ix35, dunque, è soltanto l’apripista di questo nuovo intrigante corso.
Commenta

Michael Vittori
Michael Vittori

Consulente SEO-SEM Specialist, Copywriter, Web Marketer, Esperto Facebook Ads e Giornalista Pubblicista.

Comments are closed.