Regole automatizzate su Facebook Ads

Creare e gestire una campagna pubblicitaria su Facebook richiede impegno, creatività e tempo. Avviarla e lasciarla in balia di sé stessa non porta mai buoni frutti: alcuni gruppi di annunci o singole inserzioni renderanno bene, ma si potrebbero ulteriormente ottimizzare, altri invece andranno peggio, incidendo negativamente sul risultato complessivo. Per non parlare dell’effetto saturazione…

regole automatizzate facebook ads

Controllare ogni giorno tutti i gruppi di annunci delle tue campagne, ad esempio per ritoccare i budget e sospendere quelli che non performano a dovere, è una grossa perdita di tempo. Ma se ci fosse un sistema automatico per eseguire tutte queste operazioni, così come avviene su Google AdWords?

Finalmente Facebook ha colmato questa lacuna, dando alla luce le regole automatizzate.
Prima implementabili solo attraverso le API e sistemi di terze parti come Adespresso, ora sono disponibili all’interno di Ads Manager e Power Editor.

Cosa sono e a cosa servono le regole automatizzate?

Sono regole impostate dall’inserzionista che effettuano automaticamente determinate azioni sulle campagne pubblicitarie al verificarsi di condizioni (anch’esse predeterminate) relative alle performance.

Permettono dunque di ottimizzare in modo automatico il rendimento delle campagne, attraverso una serie di regole che andranno a modificare parametri quali budget o pubblicazione di gruppi di annunci o singole inserzioni, nel momento in cui si verifica la condizione desiderata.

Con le regole automatizzate potete impostare un CPC limite, al di sotto del quale aumentare i budget e al di sopra del quale diminuirli o addirittura sospendere la campagna. Queste regole e azioni si possono applicare ad una grande varietà di condizioni, dal costo a conversione alla frequenza di visualizzazione, passando per la maggior parte delle metriche obiettivo che utilizziamo per gli annunci.

Come creare e gestire delle regole automatizzate

Dentro Ads Manager, seleziona una campagna, gruppo d’annunci o singola inserzione e spunta il box sulla sinistra: comparirà in alto una nuova voce denominata “Crea regola”.

regole automatizzate facebook

Cliccandoci sopra inizia il procedimento per creare la regola automatizzata: potrete stabilire a quali campagne applicare la regola, il tipo di azione (disattivare la campagna, inviare una notifica, aggiustare il budget) e le condizioni di applicazione che faranno scattare la regola. Interessante notare come il budget (a livello di gruppo d’inserzioni) possa essere modificato sia in termini di importo che percentuale. E’ possibile selezionare più condizioni affinchè l’azione si attivi.creazione regole campagne facebook

E’ possibile anche prevedere un budget massimo, per evitare spese incontrollate portate avanti in modo automatizzato.

Infine, bisogna selezionare il periodo temporale che Facebook deve tenere in considerazione per monitorare le condizioni e applicare le regole; periodo che può andare da un giorno all’intera vita della campagna.

Una volta creata la regola, sarà possibile modificarla, controllarne l’attività e i parametri tramite Gestione Inserzioni > Tutti gli strumenti > Creazione e Gestione. In questa sezione è stata aggiunta una voce proprio per le regole automatizzate.

regole automatizzate facebook ads

Quando una condizione è soddisfatta e la regola viene applicata, arriverà una notifica come questa su Facebook o Business Manager.

notifica regole pubblicitarie facebook

Cliccandoci, si accede alla descrizione della regola applicata con tutti i dettagli del caso. In questo test, Facebook ha incrementato del 50% il budget del gruppo d’inserzioni, perché la condizione da me impostata (costo per lead inferiore ad 1 €) si è verificata nel periodo desiderato (il giorno precedente con un minimo di 5.000 visualizzazioni).

notifiche regole fb

Regole applicabili

Le regole sono applicabili a livello di campagna, gruppo di inserzioni o singolo annuncio.

Azioni implementabili

  • Disattivazione
  • Invio di una notifica (Facebook + Email)
  • Modifica al budget (incremento/diminuzione; giornaliero/totale)
  • Modifica all’offerta manuale (incremento/diminuzione)

azioni

Condizioni Disponibili

  • Costo per Risultato (a seconda dell’obiettivo scelto nella campagna)
  • Risultati (a seconda dell’obiettivo scelto nella campagna)
  • CPC: Costo per Click sul Link
  • CTR: percentuale di click sull’annuncio
  • Costo per Installazione di App
  • Costo per aggiunta delle informazioni di pagamento (pixel di Facebook)
  • Costo per aggiunta al carrello (pixel di Facebook)
  • Costo per aggiunta alla lista dei desideri (pixel di Facebook)
  • Costo per checkout avviato (pixel di Facebook)
  • Costo per Acquisto (pixel di Facebook)
  • Costo per Lead (pixel di Facebook)
  • Costo per Registrazione completata (pixel di Facebook)
  • CPM (Costo per 1000 impressioni)
  • Spesa giornaliera
  • Frequenza
  • Impressioni
  • Spesa totale
  • Copertura

condizioni

Come usare le regole automatizzate: alcuni esempi e consigli

L’utilizzo principale riguarda il miglioramento delle performance di una campagna: contenere la spesa giornaliera aumentando il rendimento dei singoli annunci, stoppare un gruppo di annunci se non ottiene i risultati previsti.
Quando l’obiettivo è portare traffico, abbassare il CPC determina la riuscita o meno di una campagna. Con le regole automatizzate è possibile aumentare il budget se la performance CPC è <0,10 €, diminuirlo se è >0,20 € e metterla in pausa se sale oltre 0,25 € (i dati sono puramente indicativi).
E’ possibile anche utilizzare regole simili per le conversioni, ma in tal caso gli importi cambiano in base al prodotto da vendere o all’azione che si deve raggiungere. E ancora, evitare l’effetto saturazione selezionando una copertura dell’80% del pubblico impostato abbinato ad una frequenza maggiore di 3.

Ecco qualche esempio di regola che può esserti utile.

Obiettivo: combattere l’effetto saturazione

Selezionando come copertura l’80-90% della dimensione del pubblico del gruppo d’inserzioni e una frequenza di visualizzazione maggiore a 3, puoi raggiungere il tuo target senza “stressarlo” con lo stesso messaggio pubblicitario. Ideale per campagne evergreen e quando vuoi una copertura completa della campagna.

copertura frequenza annunci facebook

Obiettivo: evitare un punteggio di rilevanza basso e costi eccessivi

Il CTR è una delle metriche più importanti nell’advertising su Facebook. Quando è basso, si abbassa il punteggio di rilevanza e lievitano i costi: meglio evitare e disattivare il gruppo per analizzare cosa non va.

basso ctr

Obiettivo: ottimizzare i Facebook Lead Ads

Quando si fa lead generation con le Lead Ads, la metrica più importante è il CPL (costo per lead). Aumentare o diminuire il budget a seconda delle performance, può rivelarsi un’automatizzazione molto utile e comoda per raggiungere migliori risultati.

cpl positivo

costo per lead facebook alto

Se vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità e imparare come fare pubblicità su Facebook in modo professionale, iscriviti alla mia newsletter.

Video Tutorial

Commenta

Michael Vittori
Michael Vittori

Consulente SEO-SEM Specialist, Copywriter, Web Marketer, Esperto Facebook Ads e Giornalista Pubblicista.

Comments are closed.