Vinitaly riporta il sorriso nel mondo dell’enologia

Un bel +4,4% di operatori stranieri. 47.000 espositori provenienti da più di 110 paesi e nuovi mercati, per un totale di 152.000 presenze. Oltre 2.500 giornalisti accreditati, in arrivo da oltre una cinquantina di nazioni diverse. Vinitaly 2010 è stato sì un successo sotto il profilo prettamente numerico, ma ne ha registrato uno ancora più importante, come sottolinea il direttore di Veronafiere Ettore Riello: “La mia soddisfazione più grande è aver visto ritornare la fiducia sul volto degli espositori, che hanno potuto constatare il lavoro svolto dalla squadra di Vinitaly per incrementare la presenza di operatori“.
Torna il sereno, dunque, nel mondo dell’enologia, dopo un 2009 irto di difficoltà. Il peggio sembra passato, il settore pare poter uscire dal tunnel della crisi prima di altri, e l’importante rassegna veronese ha spinto a sua volta per una ripresa ancora più rapida e dirompente coinvolgendo nuovi partner stranieri. “Per raggiungere questo risultato – spiega le ragioni di questo successo Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere – Vinitaly ha realizzato massicce azioni di marketing diretto sui principali mercati e ha portato a Verona delegazioni qualificate da Nord, Centro ed Est Europa, Russia, ma anche da Usa, Canada e Australia, Paesi mediterranei, Asia, Estremo Oriente, America Centrale e Meridionale“. Vinitaly, dunque, ha allargato il suo raggio d’azione, contribuendo ad incrementare l’ottimismo degli operatori nostrani. “Al di là dei numeri, l’aspetto più positivo è proprio l’ottimismo” conferma Francesco Zonin, mentre Jacopo Biondi Santi afferma che “è andata benissimo, abbiamo visto i nostri importatori, ma ne abbiamo incontrati anche di nuovi, tra i quali anche cinque-sei società russe“.
Il segreto di questa 44° edizione è tutto nel lavoro degli organizzatori, l’intensità di eventi e incontri di grande forza attrattiva, ma anche una diversa direzione del mercato, concentrato ora, come spiega Alberto Chiarlo, “sui marchi che danno garanzie e sicurezza“. Ciliegina sulla torta, la storica partecipazione alla rassegna del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e l’accordo stipulato con il Trade Development Council di Hong Kong, l’organizzatore dell’Hong Kong International Wine & Spirits Fair.

Commenta

Michael Vittori
Michael Vittori

Consulente SEO-SEM Specialist, Copywriter, Web Marketer, Esperto Facebook Ads e Giornalista Pubblicista.

Comments are closed.