Facebook, i numeri di un 2019 in crescita

Facebook, ma non eri in crisi?! Il Re dei Social, dato più volte per morto e defunto, registra un’altra annata di crescita.
Questi i numeri ufficiali dell’anno 2019 pubblicati da Menlo Park:

  • Totale utenti che usano almeno 1 app (Facebook, Instagram, WhatsApp, Messenger): 2,9 mld
  • Utenti attivi mensili FB: 2,5 mld (+8%)
  • Utenti attivi giornalieri FB: 1,6 mld (+9%)
  • Revenue totale: $70 mld (+27%)
  • ADV Revenue: $69 mld (+27%)
  • Costi totali: $46 mld (+51%)
  • Aziende che usano le app: 140 milioni

Il rallentamento della crescita degli iscritti (che comunque prosegue) è fisiologico, dato che ormai questo social ha raggiunto la quasi totalità della popolazione umana in grado di utilizzare uno smartphone e accedere ad internet.

Quel che sorprende – in termini percentuali – è la crescita dei guadagni, sospinti dall’advertising. Come ripeto da anni e anche nel mio libro, il costo dell’adv su queste piattaforme è in costante aumento, visto il crescente numero di inserzionisti e spesa degli stessi.
Aumentano anche i costi, giustificati dagli sforzi di Facebook per adeguarsi a nuovi standard di privacy e sicurezza, insieme alle implementazioni in materia di pagamenti (come vedrai tra poco) e la tanto attesa interoperabilità tra le app di messaggistica.

Novità per cui dovremo ancora aspettare, come ha dichiarato Zuckerberg in un lungo post su Facebook, dove ha ribadito l’importanza e centralità della messaggistica, dei piccoli gruppi e delle Stories e messo al centro questi temi:

  • I pagamenti attraverso le app rimangono un pallino di Mark che, dopo il debutto in India nel 2018, annuncia per questo semestre il lancio di WhatsApp Pay in altri paesi, tra cui potrebbe esserci anche l’Italia!
    Da tempo Menlo Park vuole integrare le dinamiche ecommerce nelle sue piattaforme, agevolando soprattutto le piccole attività che non hanno la possibilità e budget per utilizzare sistemi più sofisticati per la vendita online;
  • I prodotti VR/AR sono sempre più apprezzati dal mercato, così come i nuovi filtri a cui danno vita artisti e creator ottengono una viralità spontanea, perciò Facebook continuerà a investire in queste tecnologie;
  • Continuano gli sforzi nel rendere la piattaforma più sicura e a prova di privacy: Facebook Off-Activity ora è disponibile a tutti, insieme al nuovo Privacy check-up tool;
  • Focus sull’integrità delle elezioni e sulla diffusione dei messaggi politici, tema delicatissimo.

L’obiettivo del prossimo futuro, conclude il CEO di Facebook, non sarà piacere a tutti, ma diventare degni di fiducia. E finché i numeri gli danno ragione…

Commenta

Michael Vittori
Michael Vittori

Consulente di Web Marketing, Esperto Facebook Ads e Google Ads con un passato da Giornalista Pubblicista. Public speaker e docente presso importanti enti. Autore del libro "Facebook Ads in pratica".

Comments are closed.