Facebook Ads, le novità di ottobre e novembre 2018

Ottobre e novembre di fuoco in casa Facebook. Oltre al lancio di Attribution, all’introduzione dei cookie di prima parte e delle lookalike value based, Menlo Park sforna una lunga serie di novità che andiamo a scoprire in questo articolo.

Delivery Insights finalmente in chiaro

I Delivery Insights, funzionalità “nascosta” tra le pieghe di Gestione Inserzioni – ad oggi devi passare il mouse sullo stato del gruppo d’inserzioni e cliccare sul link in piccolo “Dati statistici sulla pubblicazione” – diventano finalmente più accessibili.

dati statistici pubblicazione facebook ads

E’ in fase di roll out la possibilità di accedere, tramite il nuovo strumento “Ispeziona“, a tre dati di vitali importanza per le tue campagne pubblicitarie su Facebook:

  • Tasso di sovrapposizione nell’asta: quanta concorrenza interna sto generando tra i miei gruppi d’inserzioni?
  • Percentuale di saturazione del pubblico: quanto pubblico ho raggiunto all’interno del mio gruppo d’inserzioni?
  • Tasso di competizione nell’asta: come varia la concorrenza per quella specifica campagna o pubblico?

Tramite i rispettivi grafici, potrai avere una panoramica completa dello stato di salute delle tue inserzioni.

ispeziona facebook ads

Debug degli Eventi del Pixel in tempo reale

Facebook sta introducendo in tutti gli account il nuovo strumento “Test Events” che permette di controllare in tempo reale il funzionamento degli eventi del pixel su un sito web.

E’ sufficiente aprire l’apposita tab su Business Manager e navigare il proprio sito web. Si possono filtrare gli eventi, conversioni e verificarne il corretto funzionamento.

come verificare gli eventi del pixel di facebook

A proposito di eventi: dopo l’annuncio di settembre, Facebook rende finalmente disponibili 8 nuovi eventi standard nel suo pixel, che vanno dalla personalizzazione di un prodotto alla prenotazione di un appuntamento o la ricerca di un punto vendita. Qui trovi l’elenco completo aggiornato.

Lookalike value based, il video tutorial

Tanti adesivi e modelli kit per i video in vista di Natale e Black Friday

Hai già provato i nuovi adesivi e kit dei modelli per i video a tema? Li puoi applicare alle tue inserzioni Video, Collection e altri formati.

kit video fb ads natale

Instagram segue le orme di Facebook sulla trasparenza

Negli account Instagram con un numero elevato di followers, così come avviene su Facebook per tutte le pagine, verranno rese visibili e accessibili a tutti queste informazioni:

  • Inserzioni attualmente attive
  • Cambi di nome (avvenuti dopo Settembre 2017)
  • Data di creazione dell’account
  • Paese di provenienza

Inoltre, a differenza di Facebook, verranno mostrati gli account pubblici con cui hanno la maggioranza dei follower in comune.

Nel frattempo, cala la mannaia sui like, commenti e follow fake. Instagram inizia a rimuovere automaticamente i like e follow creati artificialmente da servizi/app di terze parti dedicate.

Qualsiasi account faccia utilizzo di queste app per gonfiare ad arte le interazioni dei propri post, riceverà una notifica che li informa della rimozione dei like/follow finti. Dopo aver rimosso in passato migliaia di account, questa è la prima crociata contro le reazioni fake.

Un tocco di musica su Facebook… contro TikTok?

Menlo Park, sull’onda del successo di TikTok, prova a riprendersi i giovanissimi introducendo alcune funzioni volte a stimolare la condivisione e ascolto di musica sulla piattaforma.

  • Possibilità di aggiungere canzoni a foto e video sui post del News Feed e delle Stories di Facebook tramite l’etichetta “Musica
  • La funzionalità Lip Sync Live viene estesa a tutti i profili e pagine. Puoi cantare le tue canzoni preferite, seguendone anche il testo come un vero e proprio karaoke
  • Possibilità (a breve) di aggiungere le canzoni ascoltate o preferite in un’apposita sezione del profilo, di cui una in evidenza.

Arriva l’App Retention

Facebook introduce nelle campagne con obiettivo “Installazione dell’App” una nuova opzione di ottimizzazione legata alla “Retention“.

Puoi ottimizzare la campagna basandoti non sul classico download iniziale, ma sui dati relativi alle interazioni successive dei nuovi utenti con la tua app, prendendo in esame i loro accessi dopo 2 o 7 giorni dall’installazione.

In sintesi, puoi focalizzare la campagna su un obiettivo a medio termine che ti permetta di trovare persone realmente interessate ad dialogare col tuo brand attraverso l’app e che potrebbero fidelizzarsi con un più alto grado di probabilità.

A tale scopo, Facebook introduce anche 4 nuove metriche dedicate:

  • Mantenimento degli utenti nell’app al 2° giorno
  • Mantenimento degli utenti nell’app al 7° giorno
  • Costo per mantenimento degli utenti nell’app al 2° giorno
  • Costo per mantenimento degli utenti nell’app al 2° giorno

Facebook Creative Compass, il Prof. che dà il Voto ai tuoi Annunci

Creative Compass è il nuovo strumento messo a disposizione dei Marketing Partner per misurare l’efficacia degli annunci pubblicitari.

Il tool valuta la creatività dell’inserzione e la sua capacità nel colpire il target interessato, esaminando alcuni elementi chiave come la comprensibilità del messaggio e la sua credibilità, classificandoli su una scala d’impatto (basso, medio, alto). Come? Utilizzando il machine learning e la mole infinita di dati attinta ogni giorno dalla piattaforma.

Ecco gli elementi presi in considerazione:

  • Capacità di attirare l’attenzione
  • Associazione con il brand nei primi 3 e 15 secondi
  • Conformità con il brand
  • Comprensibilità del messaggio nei primi 3 e 15 secondi
  • Credibilità
  • Differenziazione
  • Grado d’informatività
  • Ricompensa emotiva per l’utente
  • Chiamata all’azione

creative compass facebook

Creative Compass dovrebbe diventare disponibile a tutti gli inserzionisti nel 2019.

Insieme agli altri sforzi messi in alto in queste settimane da Menlo Park, l’intento sembra quello di migliorare la qualità del newsfeed anche per quanto riguarda gli annunci pubblicitari, affinché le persone continuino a frequentare la piattaforma.

Chat fino a 250 membri sui Gruppi Facebook e interazioni come pagina

E’ in fase di roll out la possibilità di avviare chat di gruppo – all’interno dei gruppi stessi – che comprendano fino a 250 utenti, oppure audio e video chiamate fino a 50 membri.

Quando viene invitato ad una chat, l’utente riceve una notifica e può accettare o meno se partecipare. Una volta entrato nella discussione, può decidere in ogni momento di disattivare le notifiche.

Le chat che saranno visibili in una nuova tab dedicata nel Gruppo. Gli amministratori del gruppo possono chiudere qualsiasi chat o limitarne la creazione ai soli admin.

Facebook sembra dunque aver trovato il modo di integrare due dei suoi strumenti attualmente più potenti e gettonati, i Gruppi e Messenger, stimolando ulteriormente le discussioni e partecipazione delle persone in questi circoli chiusi di nicchia.

Inoltre, viene data la possibilità agli utenti di interagire come pagine all’interno dei gruppi.

Thruplay

Nelle campagne con obiettivo “visualizzazione del video”, ThruPlay permette di ottimizzare e ricevere addebiti soltanto per le visualizzazioni complete di un video o di almeno 15 secondi.

Se il video ha una durata di 15 secondi, ThruPlay ottimizza per la visualizzazioni completa; in caso contrario, ottimizza per la visualizzazione di 15 secondi, superiore alle altre due opzioni disponibili da 10 o 2 secondi continuativi.

thruplay fb ads

Instagram, tripletta per lo Shopping

Dopo il “repulisti” dei fake, Instagram spinge sull’acceleratore per velocizzare e semplificare il percorso dell’utente dalla fase di ispirazione a quella d’acquisto vera e propria. L’obiettivo? Meno like e cuoricini, più fatturato e revenue per le aziende. Come? Accorciando il customer journey e rendendo la piattaforma uno strumento più indirizzato allo shopping online.

Nuova Tab Shop sui profili aziendali

Tutti i prodotti taggati con la funzione Shopping in qualsiasi post da un account aziendale, saranno consultabili in un’unica, comoda, tab “negozio”. Una sorta di grande vetrina che fa da ponte tra l’account Instagram e l’ecommerce: cliccando sui tag si accede infatti alle schede prodotto sullo shop online.

Shopping Tag anche nei Video

shopping tag video instagram

A proposito di tag, così come accade da qualche mese per le immagini, sarà possibile indicare i prodotti presenti all’interno di un video, associandoli ad un catalogo caricato su Business Manager. L’utente potrà quindi scoprire subito quali prodotti sono mostrati in un video, conoscerne prezzo e dettagli e con due clic accedere al sito ecommerce e acquistarlo.

Shopping Collection, la nuova wishlist 

L’utente potrà salvare i prodotti taggati nei post in una collezione personale all’interno di Instagram. Una sorta di wishlist da tenere aggiornata e consultare per i futuri acquisti.

Commenta

Michael Vittori
Michael Vittori

Consulente SEO-SEM Specialist, Copywriter, Web Marketer, Esperto Facebook Ads e Giornalista Pubblicista.

Comments are closed.